advertisement

Fave di cacao, proprietà, uso e controindicazioni

fave di cacao benefici
advertisement

Le fave di cacao sono l’ingrediente base per la creazione del cioccolato, in particolare, sono i semi dei frutti dell’albero del cacao. Posseggono molte proprietà benefiche ma anche qualche controindicazione.

Andiamo ad indagare e scoprire meglio qualche nozione in più.

LEGGI ANCHE: Cosa mangiare prima di un allenamento

Cosa sono le fave di cacao

Le fave di cacao sono i semi della pianta di theobroma cacao; sempreverde, appartenente alla famiglia delle Sterculiaceae, originaria del Sud America. Questo arbusto ha bisogno di una temperatura calda costante e di pioggia abbondante per crescere; inoltre, anche se preferisce la luce diretta, non deve trovarsi ad altitudini troppo elevate.

È caratterizzato da un’altezza che varia dai 5 ai 10 metri e le sue foglie sono ovali ed alterne, brillanti nella parte superiore e con un margine leggermente incurvato; i fiori, invece, disseminati a gruppi, possono essere colorati di verde, bianco o rosa. I frutti della pianta del cacao sono allungati e ricordano le forme del cedro. Il loro colore in un primo momento risulta verde-giallo ma poi, con la maturazione, si colora di un rosso tendente al bruno.

Questi semi, racchiusi all’interno di una polpa aspra, sono piatti e caratterizzati da una forma ovale, simile a quella delle mandorle. Il loro colore è bruno-violaceo e contengono grassi, zuccheri, coloranti, alcaloidi e albuminoidi. Essi acquisiscono il loro colore marrone dopo un processo di fermentazione naturale al quale vengono sottoposte in apposite vasche. Durante questo periodo le fave conservano la loro cuticola, che viene rimossa soltanto durante la spulatura, qualora si scelga di tostarle. Ed è proprio all’interno dei frutti appunti come spiegato, che ci sono questi semi, conosciuti con il nome di Cabosse, queste ultime contengono una polpa di colore bianco-giallastro, all’interno della quale sono immerse le fave di cacao, in una quantità che può variare dai venti, fino agli ottanta semi per frutto.

Storia delle fave di cacao

Impegnate per la produzione di prodotti culinari e farmaceutici, le fave di cacao sono conosciute fin dai tempi più antichi; erano infatti già note alle civiltà precolombiane che, viste le numerose proprietà attribuitegli e il loro caratteristico e gradevole sapore, gli conferirono il nome di “cibo degli Dei“.

Oltre a ciò, le fave di cacao, chiamate “cacahuat” dagli Aztechi e dai Maya, venivano utilizzate da queste popolazioni come moneta di scambio, sia per il loro valore alimentare che per il loro significato religioso. Una grande curiosità sulle fave sta nel fatto che in realtà la scoperta delle fave di cacao è attribuibile alle scimmie della foresta tropicale, le quali, essendo molto ghiotte della sostanza zuccherina che riveste tali semi, spaccavano i cabossi tralasciando i chicchi al loro interno perché amari a causa degli alcaloidi contenuti in essi.

Le fave di cacao ed il cacao crudo sono facilmente reperibili ovunque, a partire dai negozi di alimenti biologici, in alcune erboristerie e negli e-shop online specializzati.

Proprietà e benefici

Le fave di cacao posseggono molte proprietà e benefici, ed anzi sono conosciute principalmente oltre per le proprietà culinarie, anche per le proprietà benefiche.

Innanzitutto, sono piene di vitamine e minerali, tra cui il magnesio, il ferro ed il calcio; oltre che antiossidanti, flavonoidi e polifenoli che proteggono l’organismo dai radicali liberi.

Inoltre, soprattutto se consumate crude, quindi non tostate, hanno un elevato potere energizzante dovuto all’elevato contenuto di caffeina, che le rende particolarmente adatto a chi deve mantenere la concentrazione per un periodo prolungato o fare sport. Grandi alleate del cuore e del cervello.

Da non sottovalutare è sicuramente la funzione depurativa e purificativa che vanno ad esercitare sul nostro corpo. Le fave di cacao, inoltre, contengono i flavonoidi utilissimi a contrastare le placche di colesterolo e l’aumento della pressione arteriosa.

L’assunzione delle fave di cacao aiuta a contrastare la fame nervosa ed a rimanere in forma, (anche se sembra strana come cosa, ma è proprio così), per questo motivo sono spesso consigliate in alcune diete come spuntino mattutino o pomeridiano o come snack di metà mattina.

advertisement

Contro la depressione e l’invecchiamento

Un altro utilizzo fondamentale è quello antidepressivo, ebbene sì, le fave di cacao, aiutano a contrastare la depressione. Un’altra funzione, o meglio un altro ruolo importante è quello giocato dagli I-MAO (inibitori delle monoaminossidasi). Essi sono importantissimi sia per l’umore, dato che permettono alle sostanze di cui si è fatto cenno poc’anzi di restare più a lungo nell’organismo, sia per appagare il senso di sazietà. Ecco perché sono in molti a sostenere che mangiare cioccolata fa dimagrire.

Le fave di cacao aiutano il nostro organismo a combattere i segni dell’invecchiamento causati dai radicali liberi. L’azione antiage non è da intendere solo sul piano estetico, bensì sul piano cellulare e quindi, della salute. I radicali liberi in eccesso, infatti, sono responsabili dell’invecchiamento delle cellule ma predispongono anche allo sviluppo di patologie anche importanti, come i tumori. Inoltre, c’è da sapere che la torrefazione, che avviene ad alte temperature, fa sì che alcune particelle si disperdano.

Quindi le fave di cacao crude, rispetto a quelle tostate, hanno una maggiore concentrazione di sostanze benefiche ma ciò non vuol dire che le seconde ne siano del tutto prive. Inoltre, un’altra funzione delle fave è quella che svolge per le ossa e per i denti. Le ossa e i denti traggono giovamento dall’assimilazione di cibi che presentano alte percentuali di calcio. In più anche gli altri minerali di questi semi sono indicati per lo sviluppo dell’apparato scheletrico.

Utilizzo delle fave di cacao

Le fave di cacao vengono utilizzate per diverse funzioni e produzioni, dai prodotti culinari, a quelli farmaceutici, possono essere gustate sia tostate che crude, il loro sapore è delicato ed intenso. Sono molto utilizzate come naturali energizzanti, dato il loro eccezionale valore nutrizionale, ma possono anche essere impiegate in ambito culinario come ingrediente aggiuntivo nella preparazione di numerosi piatti. In cucina, ad esempio, vengono utilizzate in aggiunta a macedonie, frullati, muesli o yogurt ai quali doneranno un tocco di croccantezza incredibile.

Possono però essere impiegate anche per preparare biscotti, come i nostri frollini alle fave di cacao, crostate, torte, ciambelle o creme al cucchiaio; come aggiunta alla pasta frolla sono davvero ottime, in quanto n migliorano la croccantezza, il profumo ed il sapore.

Un’altra squisita ricetta con le fave, e tra l’altro uno degli esperimenti più interessanti da fare con le fave di cacao, è una ricetta molto semplice ma dal sapore sorprendente, il tè: preparato con le fave di cacao, questa bevanda è uno dei modi migliori per sfruttare nella sua totalità questo raro ingrediente, si utilizzano le bucce seccate delle fave di cacao, da recuperare dopo la fine della tostatura. Un’altra idea interessante ed anche molto rara e stravagante è la preparazione di salse a base di fave di cacao con cui accompagnare la carne. Questo tipo di abbinamento può risultare un po’ strano all’inizio, ma basta un rapido assaggio per rendersi conto di quanto sia saporito e sorprendente come accostamento.

Oltre alla grande varietà di utilizzi a livello culinario, le fave di cacao vengono utilizzate anche per prodotti farmaceutici o beauty, soprattutto per queste ultime due categorie, delle fave viene utilizzata la parte oleosa, conosciuta come burro di cacao.

Controindicazioni

Oltre alla sua gustosità, oltre alle numerose proprietà e benefici, le fave posseggono anche delle controindicazioni, da tenere ben presente per non incorrere in qualche rischio.

Questi semi contengono tracce di caffeina che come abbiamo detto danno quella carica, quella grinta in più per chi fa sport o chi deve mantenere a lungo la concentrazione, ma proprio per questo nello stesso tempo, sono sconsigliati ai soggetti che soffrono di ipertensione, emicrania e nervosismo, infatti proprio per questo, a causa della tiramina, la quale è una molecola che porta alla vasocostrizione, cosa che può influire parecchio su coloro che soffrono di cefalea. Inoltre, tra le possibili controindicazioni figurano anche eventuali reazioni allergiche, ansia, palpitazioni, tachicardia o mal di testa. Senza contare che le fave di cacao non dovrebbero essere consumate da chi è affetto da stitichezza, emorroidi e/o reflusso gastro-esofageo, o ernia fetale.

Le fave di cacao, sono sconsigliate ai soggetti che solitamente, soffrono di ernia iatale; questo perché la teobromina contenuta nelle fave di cacao e nei loro derivati può ridurre la pressione dello sfintere esofageo inferiore. Inoltre se mangiate in quantità esagerate, possono portare un aumento di peso:

Il cacao crudo è un cibo calorico e il suo consumo deve essere moderato in ogni occasione, soprattutto per le persone che soffrono di eccesso di peso e di obesità.

Valori nutrizionali delle fave di cacao

Le fave di cacao come già detto in precedenza, posseggono molte fibre, proteine, minerali, ecc. Scopriamo insieme per una quantità di circa 100 g, la tabella dei valori nutrizionali delle fave di cacao. Quindi, per 100g di fave di cacao, le calorie dovrebbero essere 228 totali, di cui grassi 14g; acidi grassi saturi circa 8 g; Acidi grassi polinsaturi 0,4 g; Acidi grassi monoinsaturi all’incirca 4,6 g; Colesterolo 0 mg; Sodio 21 mg; Potassio 1524 mg; Carboidrati 58 g; Fibra alimentare 33 g; Zucchero 1,8 g; Proteine 20 g; Caffeina 230 mg; Vitamina A 0 IU; Vitamina C 0 mg; Vitamina B6 0,6 mg; Vitamina B12 0 µg; Vitamina D 0 IU; Calcio 128 mg; Ferro 13,9 mg; Magnesio 499 mg.

advertisement
25,99€
disponibile
as of 1 Marzo 2024 15:57
Ultimo aggiornamento il 1 Marzo 2024 15:57

Lascia un Commento

WordPress Lightbox Plugin